lunedì 28 gennaio 2013

• Coach House: il ristorante nella dimora elisabettiana di Hatfield

Tra i vincitori del 'Restaurant & Bar Design Awards 2012' il progetto di SHH Architects

 

 

Coach House, il caffè-ristorante disegnato da SHH Architects, si sviluppa occupando una superficie di 6000 metri quadrati,  all’interno dell’antica sala da thè della casa d’infanzia di Elisabetta I a Hatfield, tra i primi esempi d’architettura giacobina nell’ Hertfordshire, in Inghilterra.

Tra i vincitori del “Restaurant & Bar Design Awards 2012 nella categoria di Best UK Café or Fast Food, Coach House è il risultato di un intervento di ampliamento, che ha generato un incremento della superficie originaria pari al 70%.

Il ristorante si sviluppa su due livelli: le cucine, i  banconi e i tavoli per i clienti sono disposti al piano terra all’interno di una superficie a forma di ‘L’ con accesso diretto all’esterno attraverso un collegamento vetrato.

Il livello superiore è stato, invece, pensato per ospitare ulteriori posti a sedere, con accesso da una scala a chiocciola in allumino nero verniciato che giunge fino alla terrazza di copertura.

I materiali che abbiamo scelto per i tre banconi variano dalla ceramica, al legno di quercia allo zinco, combinati fra loro” – spiega Brendan Heath, Project Leader di SHH – “secondo configurazioni leggermente differenti. In particolare lo zinco è stato trattato con acidi per ottenere quell’aspetto consunto”.

 

 










 

Text and photos via: archiportale.com 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento

♡ grazie
♡ thanks

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...